La potenza della Lode

Acclamate al Signore, voi tutti della terra, servite il Signore nella gioia, presentatevi a lui con esultanza. Riconoscete che il Signore è Dio; egli ci ha fatti e noi siamo suoi, suo popolo e gregge del suo pascolo. Varcate le sue porte con inni di grazie, i suoi atri con canti di lode, lodatelo, benedite il suo nome Sal 99,2-4

Quando si tratta di adorare Dio in un contesto comunitario, puoi facilmente notare tre diversi tipi di persone presenti nel gruppo.

Coloro che amano adorare e lodare il Signore ed “entrano nella sua presenza attraverso la lode”.

Coloro che lodano ed adorano di routine.

Coloro che non entrano affatto nella lode e non partecipano.

La lode è il “detonatore” che sprigiona la potenza di Dio in mezzo a noi nella nostra vita. C’è una storia che riguarda un uomo che voleva vendere il proprio cavallo. Un potenziale acquirente si presentò da lui per provare il cavallo; prima di iniziare, il proprietario che era un credente disse: “questo cavallo risponde solo al linguaggio di chiesa. Per farlo camminare devi dire “lode al Signore!”. Per farlo fermare devi dire “Amen!”.

La potenza di Dio, cioè il cavallo, può muoversi in mezzo a noi e nella tua vita, solo attraverso la lode che è fede in azione.

Noi sappiamo perfettamente ciò che dobbiamo dire, ma la lode e l’adorazione hanno perso il proprio significato e ruolo nel corso dei secoli.

Oggi voglio condividere le ragioni per cui dovremmo lodare Dio e poi vedremo alcuni modi per lodarlo.

Ecco alcune ragioni per lodare Dio:

1.    Dio è degno della nostra lode e della nostra adorazione.

Sal 17,4 Invoco il Signore, degno di lode, e sarò salvato dai miei nemici.

Ap 5,11-12 Durante la visione poi intesi voci di molti angeli intorno al trono e agli esseri viventi e ai vegliardi. Il loro numero era miriadi di miriadi e migliaia di migliaia e dicevano a gran voce: «L’Agnello che fu immolato è degno di ricevere potenza e ricchezza, sapienza e forza, onore, gloria e benedizione».

L’adorazione riguarda chi Dio è, la sua natura, i suoi attributi, la sua Persona, il suo carattere.

La lode invece riguarda e celebra ciò che gli ha fatto per noi.

Ciò che egli ha fatto invece per te si chiama ringraziamento.

Lode ed il ringraziamento non sono altro che fede verbalizzata; infatti, se ringrazi Dio dopo un fatto compiuto, si tratta di gratitudine, mentre quando lo ringrazi prima che qualcosa accada, si tratta di fede in azione e la tua lode assume un carattere profetico.

Se non sai come lodare, prendi il libro dei salmi e inizia la tua lode con i salmi a voce alta e cantando.

Il libro dei salmi ci insegna il modo in cui si loda Dio.

2.    Noi siamo chiamati a lodare ed adorare Dio.

1Pt 2,5 anche voi venite impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale, per un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, per mezzo di Gesù Cristo.

1Pt 2,9 Ma voi siete la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose di lui che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce;

 Sal 150,5 Lodatelo con cembali sonori, lodatelo con cembali squillanti; ogni vivente dia lode al Signore.

 3.      La lode ci trasforma:

 Geremia 2:5 Così dice il Signore: Quale ingiustizia trovarono in me i vostri padri, per allontanarsi da me? Essi seguirono ciò ch’è vano, diventarono loro stessi vanità

 Tu conoscerai il detto: “l’uomo è ciò che mangia!”.

 Bene, noi diventiamo ciò che adoriamo:

Se adori le cose superficiali, la tua vita diventerà superficiale.

Se adori le cose pervertite, la tua vita diventerà una perversione.

Se adori le cose maligne, la tua vita diventerà maligna.

Se tu adori il vero Dio, la tua vita diventerà divina.

Adorare significa “mettere davanti a sé” e servire ciò che si guarda.

Quando la tua vita vede solo la carriera, la metti davanti a tutto e a tutti e sei costretto a sacrificare tutto per essa.

Ciò che adoriamo ci trasforma in schiavi che servono e sacrificano tutto.

Quando adoriamo Dio, Egli ci trasforma in figli suoi e in persone libere.

 Per vivere nella libertà, bisogna dunque adorare il Dio vero e non gli idoli moderni!

2Corinzi 3:18 E noi tutti, a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, di gloria in gloria, secondo l’azione dello Spirito del Signore.

 Gesù è venuto per:

Isaia 61,3 allietare gli afflitti di Sion, per dare loro una corona invece della cenere, olio di letizia invece dell’abito da lutto, canto di lode invece di un cuore mesto. Essi si chiameranno querce di giustizia, piantagione del Signore per manifestare la sua gloria (cioè renderlo visibile)

 4.       La lode e l’adorazione ci introducono nella presenza manifesta di Dio.

 Sal 22,35: Dio abita, dimora nelle lodi del suo popolo.

 5.     La nostra lode sconfigge e mette in fuga il diavolo.

Sal 8,3 Con la bocca dei bimbi e dei lattanti affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, per ridurre al silenzio nemici e ribelli.

Sal 149,5-9 Esultino i fedeli nella gloria, sorgano lieti dai loro giacigli. Le lodi di Dio sulla loro bocca e la spada a due tagli nelle loro mani, per compiere la vendetta tra i popoli e punire le genti; per stringere in catene i loro capi, i loro nobili in ceppi di ferro; per eseguire su di essi il giudizio già scritto: questa è la gloria per tutti i suoi fedeli. 

6.    Come lodare Dio:

Con la tua voce:

Sal 62,4 Poiché la tua grazia vale più della vita, le mie labbra diranno la tua lode.

At 16,25 Verso mezzanotte Paolo e Sila, in preghiera, cantavano inni a Dio, mentre i carcerati stavano ad ascoltarli.

Con il tuo corpo: applaudendo, innalzando le mani, danzando, gridando.

Salmo 150: ogni vivente dia lode al Signore.

La Bibbia afferma che tutto ciò che ha vita e respira dia lode al Signore.

Lodiamo dunque il Signore insieme ora e sempre.