“Il sole dall’alto sorgerà di nuovo su te!”
From ottobre 3rd, 2019

Nulla è più importante del sole per noi sulla terra; senza il calore e il tepore del sole, la terra sarebbe una palla di roccia senza vita, ricoperta solo di ghiaccio.
Il sole riscalda i nostri mari ed oceani; eccita la nostra atmosfera; genera i nostri modelli meteorologici; dona energia alle piante in crescita che forniscono cibo e ossigeno alla vita sulla terra.
Non c’è da stupirsi dunque che in molti paesi e culture sin dall’antichità fino ad oggi, molti adorino il sole.

Noi viviamo nella fascia terrestre, chiamata temperata, sulla quale la luce del sole è prevalente e quindi non apprezziamo il significato del sole. Ma coloro che abitano nell’Artico e in Antartide, dove difficilmente vedono il sole nell’arco dell’anno, apprezzano di più questa stella ardente.

Per quanto efficace, potente e necessario possa essere il sole naturale, c’è un altro Sole che è più potente di esso. È chiamato il Sole di Giustizia.
Possa Egli risorgere su di te oggi nel nome di Gesù.

Malachia 3,20
Per voi invece, cultori del mio nome, sorgerà il sole di giustizia con raggi benefici e voi uscirete saltellanti come vitelli di stalla.

Spesso ho visto un agnello, un vitello, o un puledro saltellare quando esce dalla stalla per andare all’aperto in un campo. Ciò ha attirato da sempre la mia attenzione.
Mi chiedevo perché. Ora so che è così perché il Sole di Giustizia è sorto su di loro.
Possa il Sole di Giustizia sorgere sopra di te con la guarigione nei suoi raggi o sulle sue ali.
Che tu possa avanzare e saltellare come i vitelli che escono dalla stalla.

Forse ti trovi in un punto morto e ti sei spento, come il puledro chiuso nella stalla, ma il Sole di Giustizia ti accenderà di nuovo. Non solo tu camminerai in avanti, tu salterai in avanti nel nome di Gesù.
Lo Spirito di Dio mi ha spinto a dirti che oggi è l’alba di un nuovo giorno per te.
Non so quanti anni hai, ma il tuo mattino è appena iniziato.
Il sole naturale può bruciare la pelle di coloro che scherzano con esso.
Non può essere addomesticato. Lo stesso vale per il Sole soprannaturale. Ma per i figli di Dio, le radiazioni dal cielo sono benefiche.

Sal 83,12: Poiché sole e scudo è il Signore Dio; il Signore concede grazia e gloria, non rifiuta il bene a chi cammina con rettitudine.

Possa Dio proteggerti dai pericoli. Possa Dio effondere la sua gloria su di te.

Possa la gloria di Dio brillare attorno a te. Nessuna cosa buona rimanga nascosta da te.

Luca 1,78-79
grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte e dirigere i nostri passi sulla via della pace».

Per la misericordia di Dio, ti visiti l’alba dall’alto.
Ogni forma di tenebra attorno a te svanisca come rugiada al sole.
Ogni ombra di morte che ti insegue, sia messa in fuga nel nome di Gesù!
Possa il Signore guidare i tuoi passi sulla via della pace.

Dopo aver trascorso venti anni in Siria, Dio disse a Giacobbe di tornare a Canaan (Gen. 35,1). Tuttavia egli temeva l’ira di suo fratello Esaù.
Mentre era in cammino, mandò messaggeri avanti a sé e, con sua grande sorpresa e terrore, venne informato che Esaù gli veniva incontro insieme a quattrocento uomini!
Le sue paure erano confermate da questa informazione.
Giacobbe divise allora i suoi servi, i suoi beni e i suoi familiari in gruppi e non li inviò tutti in una sola volta, ma in diverse spedizioni per giungere alla presenza di Esaù ed onorarlo con i doni che portavano, mentre egli sarebbe giunto per ultimo.
Durante la notte, ebbe però un incontro inatteso con Dio che gli cambiò il nome; e mentre usciva da Penuel, il suo destino fu cambiato da soppiantatore a vincitore con Dio (Gen.32: 22-31).
Accadde che quando Esaù, che procedeva con i suoi quattrocento uomini per combattere contro suo fratello, lo vide, invece di attaccarlo e ucciderlo, scese da cavallo e corse verso di lui; lo abbracciò, lo baciò e pianse su di lui.
Forse anche tu sei terrorizzato da qualcuno o qualcosa che è venuto contro di te. Invece di attaccarti, la loro disposizione verso di te cambierà. Essi correranno per accoglierti; ti abbracceranno, ti baceranno e piangeranno per ciò che avevano intenzione di farti.
Possano i tuoi nemici pregarti di fare pace con te!

Giuseppe nacque nello splendore e nell’opulenza.
Giacobbe, suo padre, fu benedetto potentemente da Dio. Tuttavia, i suoi fratelli lo odiavano, perché era il favorito di suo padre. Volevano ucciderlo, ma poi decisero di venderlo come schiavo. Uno schiavo sarebbe rimasto schiavo per sempre, senza potersi riscattare dal suo stato e così Giuseppe e i suoi sogni sarebbero rimasti intrappolati per sempre.
Mentre Giuseppe era in schiavitù, era come se il sole della sua vita fosse tramontato.
Come avrebbe mai potuto ottenere di nuovo la sua libertà?
Chi avrebbe pagato per il riscatto di uno schiavo?
Avrebbe potuto di nuovo calpestare il suolo cananeo?
Avrebbe goduto di nuovo dell’amore di suo padre?
Avrebbe incontrato di nuovo sua madre viva?
Queste erano domande inquietanti che certamente si pose.
Tredici anni dopo, però, il Sole di Giustizia tornò di nuovo a risplendere su di lui.
Egli venne rilasciato dalla prigione e subito divenne il secondo uomo più potente in Egitto.
Dio vuol parlare a te che stai leggendo questo messaggio; Dio vuole che tu creda. Il sole tornerà a spendere su di te!
Dio ti sta portando verso un livello superiore di splendore e opulenza e tu ci giungerai nel nome di Gesù!

Dio dice a qualcuno che i tuoi anni di prigionia e schiavitù sono finiti.
Dio ti porterà in una posizione così alta che non avresti mai immaginato.
Dio sta spazzando via la vergogna della tua giovinezza adesso.
Il rimprovero dei tuoi primi anni sarà dimenticato.

Dio chiese a Mosè di radunare i figli d’Israele ai piedi del monte Sinai, dove avrebbe dato loro istruzioni ed egli sarebbe salito sulla montagna per incontrarsi con Dio.
Mosè rimase lì per 40 giorni e 40 notti, dopo di che Dio gli diede due pietre contenenti i Dieci Comandamenti.
Ma quando Mosè giunse a valle nell’accampamento, trovò i figli di Israele che adoravano un idolo, si arrabbiò e spezzò le due tavole di pietra che aveva appena ricevuto da Dio.
Quaranta giorni gettati nel nulla.
Dio in seguito chiese a Mosè di tagliare due pietre come le prime e di portarle sul monte.
Mosè fu di nuovo sul monte per altri 40 giorni e 40 notti.
Questa volta, quando tornò, il suo viso però risplendeva di luce e nessuno poteva guardarlo direttamente in faccia, perché il Sole di Giustizia si era alzato su di lui.
C’è qualcuno che dopo aver confessato e abbandonato i propri peccati davanti a Dio, il diavolo lo sta ancora tormentando con la colpa.
Dio dice di dirti che la tua iniquità è stata perdonata. Il tuo errore è perdonato. Il tuo errore è stato portato via.
Vai e non peccare più.
Dio, tuttavia, vuole che ti avvicini a Lui, in modo che anche il tuo volto possa iniziare a brillare in modo sorprendente.

In Giudici 11,1-11, la Bibbia ci parla di Iefte, un uomo nato in una famiglia onorata, suo padre era una figura importante per Israele e il suo clan era rispettabile.
Era come se il sole fosse sorto su di lui sin dall’inizio della vita.
Sfortunatamente, quando suo padre morì, gli altri figli di suo padre lo obbligarono a fare le valigie e andarsene di casa.
Iniziò a vivere in grotte e roccaforti.
Più tardi, il Sole di Giustizia si levò di nuovo sulla sua vita.
Egli divenne così il capo di tutto Israele.
Sei ti identifichi con Iefte, sei stato messo da parte, Dio vuole che ti dica che quelli che ti hanno messo da parte, ti vedranno presto davanti a loro.
Forse tu che leggi, ti trovi in una grotta al momento, ma Dio vuole che ti dica che stai per uscire da quella grotta nel nome di Gesù.
La grotta o la fortezza non sono più la tua dimora.
Stai muovendoti verso il palazzo. C’è uno spostamento in atto!
Tu che, per gran parte della tua vita, hai sperimentato odio e rifiuto, inizierai a sperimentare l’amore a partire da ora in avanti nel nome di Gesù

La condizione per godere del Sole di Giustizia.
Come ci suggerisce il nome stesso, bisogna essere giusti per godere dei benefici del Sole di Giustizia.
Allora come si può diventare giusti?
Dio attribuisce la grazia della giustizia alla persona in due modi:
– Credendo nella Sua persona e nell’opera compiuta da Gesù;
– Obbedendo alle Sue parole

Genesi 15,4-6
Ed ecco gli fu rivolta questa parola dal Signore: «Non costui sarà il tuo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede». Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle» e soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia.
Romani 4,3
Ora, che cosa dice la Scrittura? Abramo ebbe fede in Dio e ciò gli fu accreditato come giustizia.

Galati 3,6-7
Fu così che Abramo ebbe fede in Dio e gli fu accreditato come giustizia. Sappiate dunque che figli di Abramo sono quelli che vengono dalla fede.

Punti di preghiera da decretare a voce alta

Padre, la mia esperienza di Te aumenti notevolmente.
Padre, portami a un livello superiore di gloria in Te.
Padre, lascia che la luce del tuo volto aumenti di splendore sopra di me.
Padre, lascia che la mia vita riveli la tua gloria a tutto il mondo.
Padre, non fare di me un campione locale, trasformami in un tuo pezzo forte globale.

Marco Cicoletti

www.amicidigesu.it