Home Page
Benvenuti nel sito di Amici di Gesù
Dalmine (Bg) 30 e 31 Maggio

DalmineteatroLa festa continua!

Dalmine (Bg) 30 e 31 Maggio


La festa continua!

Dio ha preparato la tavola ed il Vino Nuovo!

Sarà Festa grande!
Una Festa che Gesù stesso ha preparato!

 

Cosa devi fare? 

  • Partecipa! 
  • Preparati e cambiati d'abito!

Indossa la lode, inizia a lodare e pregare un'ora al giorno per la Festa del prossimo week end!

Vai ai crocicchi di ogni strada, grida, invita e porta tanti perché festeggino Gesù con noi!

Dio vuole sorprenderci!
Fai conoscere l'evento

 
Isaia 61,1-3

 

calcioOggi desidero condividere una piccola meditazione su Isaia 61, brano della Scrittura che mi tocca sempre, ogni volta che lo rileggo e dal quale traggo forza e visione per riflettere su ciò che siamo chiamati a fare e ad essere nel mondo di oggi.

Lo spirito del Signore Dio è su di me perché il Signore mi ha consacrato con l'unzione; mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri, a fasciare le piaghe dei cuori spezzati, a proclamare la libertà degli schiavi, la scarcerazione dei prigionieri, a promulgare l'anno di misericordia del Signore, un giorno di vendetta per il nostro Dio, per consolare tutti gli afflitti, per allietare gli afflitti di Sion, per dare loro una corona invece della cenere, olio di letizia invece dell'abito da lutto, canto di lode invece di un cuore mesto. Essi si chiameranno querce di giustizia, piantagione del Signore per manifestare la sua gloria.

 

A vent’anni il mio obbiettivo principale era di vincere e fare qualcosa che mi facesse sentire vivo; i miei piani erano di girare il mondo col mio lavoro perché non mi sono mai sentito parte di qualcosa di statico ma cittadino del mondo. A ventidue anni ho incontrato Gesù e da quel momento i miei obiettivi sono cambiati: ho iniziato a correre per farlo conoscere ed ho vinto mille battaglie che ho incontrato lungo al strada.

Leggi tutto...
 
Attorno alla croce ed alla tomba

easter-morning-glow-by-connie-handscomb

Marco 15, 40-47; Marco 16,1-8

Ci fu una scena toccante a Betania, in casa di Simone il lebbroso, quando una donna senza nome ridusse in pezzi un vasetto di alabastro pieno di unguento prezioso e lo versò sul capo di Gesù. Gesù riconobbe questa bella stravaganza come una unzione prima della sua sepoltura (Marco 14,8).
Toccò ad altre donne ungere il suo corpo dopo la sua sepoltura, o così almeno esse pensavano (Marco 16,1).
Il passo che abbiamo davanti a noi abbraccia un frenetico e lungo fine settimana che per molti fu di festa, mentre per i discepoli fu di dolore, disillusione e paura.

Gesù passò dall’osanna della folla della Domenica alla crocifissione solitaria in compagnia di due delinquenti. Venerdì, Gesù era morto: di morte cruenta e straziante dopo essere stato crocifisso, dopo essere stato maliziosamente e ingiustamente accusato di colpevolezza dalla corte ebraica e chiaramente pronunciato innocente dalla corte romana!

Leggi tutto...
 
Messaggio ai Monaci di Montserrat in occasione esequie P. Narciso, 30 Marzo 2015

                                                                                      

SDC10003Carissimi!

 

 

Desideravo salutare di persona la vostra comunità monastica e ancora una volta il P. Narciso, prima della sepoltura, con la certezza della fede che, però si tratta solo di un arrivederci, perché ci vedremo in cielo prima ed  alla risurrezione dalla morte, poi!

 

Essendo stato impossibilitato ad essere presente oggi di persona, lo sarò per mezzo delle parole che affido a qualcuno di voi perché siano lette prima della cerimonia o al termine di essa, prima però della sepoltura.

Mentre meditavo, mi tornava alla mente come un martello questo versetto:

 

Luca 19:30-31 «Andate nel villaggio di fronte; entrando, troverete un puledro legato, sul quale nessuno è mai salito; scioglietelo e portatelo qui. E se qualcuno vi chiederà: Perché lo sciogliete?, direte così: Il Signore ne ha bisogno».

 

Matteo conclude il racconto con la restituzione dell’animale che Gesù aveva chiesto in prestito ed aveva usato.

 

Matteo 21:3 Il Signore ne ha bisogno, ma li rimanderà subito».

 

Luca dice che i proprietari erano diversi e non uno solo.

Eccoci dunque giunti al punto!

Con queste parole, oggi noi, vi riconsegniamo l’asino, Narciso, che Gesù ha preso in prestito da voi ed ha usato secondo i suoi piani, non per un giorno solo, ma per diversi anni, al punto che probabilmente, qualcuno tra voi si chieda chi sia questo monaco che oggi torna nella vostra comunità.

Il nostro compito termina oggi con la restituzione e la garanzia che questo asino ha portato Gesù non a Gerusalmme, ma in Italia centrale.

 

Oggi vi riconsegniamo l’asino che Gesù ha preso in prestito dalla vostra comunità.

  

Leggi tutto...
 
Nuntium mortis p. Narciso

NarcisoCari fratelli,

questa mattina, 19 marzo, è deceduto p. Narciso Carles Casanova Canigueral OSB.

Non è riuscito a superare i postumi di una ischemia cerebrale.

San Giuseppe, sposo di Maria, patrono dei moribondi, lo ha certamente accompagnato all’incontro col Padre misericordioso.

La camera ardente è allestita nella cappella dell’obitorio dell’ospedale S. Maria di Terni.

I funerali saranno celebrati domani 20 marzo alle ore 15.00 nel Santuario della Madonna del Ponte in Narni, quindi la salma, per volontà dei confratelli benedettini di Spagna, sarà trasferita in Spagna.

Chiedo ai vicari la cortesia di comunicare la notizia ai sacerdoti e ai fedeli per i doverosi suffragi.

Il Signore vi dia la Pace!

P. Giuseppe Piemontese, vescovo

 
 
Calendario Giugno Narni

giugno15Pubblichiamo il calendario  del mese di Giugno per la sede di Narni

 
Aggiornamento Calendario Maggio Narni




Maggio15Pubblichiamo il calendario aggiornato del mese di Maggio per la sede di Narni

 
Omelia Abate di Montserrat in occasione funerale di P. Narciso

Sepoltura P. Narciso

 

abate monntseratNella sua grande preghiera nella sera prima di consegnarsi alla passione, Gesù chiede al Padre che i suoi discepoli possano partecipare della vita di suo figlio. Ciò suppone una duplice realtà: che partecipino del suo abbassamento (cfr Gv 13, 33.36) e che partecipino anche della sua esaltazione alla gloria: Gv 17, 24 siano con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato.

 

Tutta la vita del cristiano, cari fratelli e sorelle, è una partecipazione in questa doppia dimensione della vita in Cristo.

Leggi tutto...
 
Grazie Narciso!!!!!

imageNARNI - All’età di 86 anni, è morto padre Narciso Carles Casanova Canigueral, monaco benedettino molto conosciuto nella Diocesi di Terni Narni Amelia, dove ha svolto il suo ministero per 15 anni all’abbazia di San Cassiano di Narni e poi nella comunità della frazione di Stifone di Narni.

Padre Narciso era nato a Barcellona (Spagna) nel 1929 ed è stato ordinato sacerdote il 31 maggio 1952. Dopo due anni, nel 1954, è entrato a far parte dell’ordine monastico benedettino nell’antico monastero di Santa Maria de Montserrat in Catalogna.

Leggi tutto...
 
Fede contro lo scoraggiamento!


abramo
Dio chiama in essere le cose che non sono ancora!


Possiamo passare attraverso momenti e periodi di scoraggiamento, più o meno lunghi...

A volte le ragioni di questi “momentacci” sono palesi e ci si augura semplicemente che passino in fretta. Altre volte invece non ne conosciamo le cause, oppure queste si perdono talmente indietro nel tempo, che non si riesce a capire come uscirne. E se invece una via d’uscita ci fosse?

 

 

Leggi tutto...
 
« InizioPrec.123Succ.Fine »

Pagina 1 di 3

Marco Cicoletti

Amici su Facebook

Pubblicato su Facebook

Leggi Insieme a Noi


Powered by Joomla!. Designed by: hosting free server resellerspanel Valid XHTML and CSS.